Ultima modifica: 10 Maggio 2020

Chi siamo

L’Istituto Statale di Istruzione Superiore “GRAMSCI – KEYNES” è ospitato in un ampio complesso edilizio moderno e confortevole.
La scuola è dotata di moderni laboratori ed è sede per l’acquisizione della Patente Europea Informatica ECDL. Ogni anno, inoltre, si tengono corsi per il conseguimento della certificazione europea in ambito linguistico: D.E.L.F., FIRST CERTIFICATE, ZERTIFIKAT DEUTSCH.
L’istituto mantiene uno stretto e vitale rapporto con la realtà imprenditoriale pratese ed ha canali diretti con aziende ed enti pubblici. Durante il quarto anno di studio sono organizzati stages lavorativi per gli studenti al fine di facilitare l’approccio al mondo del lavoro e alla scelta universitaria.
La scuola riconosce il valore dello sport e organizza annualmente attività e manifestazioni rese possibili dalla presenza di palestre e strutture moderne e attrezzate.
Nel 2010 la scuola ha ottenuto la certificazione secondo i criteri ISO 9001:2008 dalla Federazione Italiana C.S.Q. e l’accreditamento da parte della Regione Toscana per l’organizzazione, la promozione e la partecipazione a progetti di formazione e corsi post-diploma.

L’Istituto Statale di Istruzione Superiore “A. Gramsci – J. M. Keynes”, una delle scuole più frequentate e attrezzate di Prato.

L’Istituto nasce nell’a.s. 2000/2001 dall’unione dell’ITC ”J. M. Keynes” e dell’ITG “A. Gramsci” e dall’a.s. 2007-2008 ha arrichito al propria esperienza con l’introduzione del Liceo Scientifico. Con l’a.s. 2010/2011 sono entrati in vigore i nuovi Ordinamenti per l’Istruzione secondaria di Secondo Grado incardinandosi per confluenza su gli indirizzi di studio preesistenti.

Al Gramsci Keynes questo ha permesso di mantenere, con la nuova configurazione, tutti i corsi preesistenti in particolare:
–         Settore Tecnologico indirizzo”Costruzioni, Ambiente e Territorio”;
–         Settore Economico indirizzo “Turismo”;
–        Liceo Scientifico, articolazione Scienze Applicate e Sportivo.
 

Il Salotto letterario di Sesto Fiorentino – Salotto Conti – è una associazione culturale che promuove la lettura e l’interpretazione di testi di narrativa classica e contemporanea. Ci presentiamo con qualche statistica. In dieci anni di attività nel Salotto letterario di Sesto Fiorentino sono stati letti e discussi oltre duecento tra romanzi, racconti, qualche saggio, ed ascoltati migliaia di interventi a commento dei testi. Che questi provenissero da un critico letterario, da un impiegato o dall’autore medesimo, tutti – in quanto frutto di un lavoro appassionato – hanno democraticamente contribuito ad esplorare, e donarsi a vicenda, le infinite suggestioni e significati che emanano da quel mondo di carta che è un buon romanzo. Intorno al Salotto – fondato da un gruppo di insegnanti – si è così raccolta una comunità di letterati, docenti, autori. Ci è sembrato quasi inevitabile che da tanta esperienza si materializzasse una traccia: la rivista Interpretazioni, nata nell’anno 2000. Traendo spunto da alcuni testi letterari, questa è la regola, pubblichiamo con cadenza semestrale numeri a tema, su argomenti attuali e comunque di interesse generale, l’uomo e la memoria, il confine, il mito, il nemico. Vi contribuiscono nomi di rilievo come Marino Biondi, Franco Cardini, Giorgio Galli. La rivista è patrocinata dal Comune di Firenze, e viene diffusa negli ambienti istituzionali e culturali e tra i numerosi partecipanti al Salotto.

Sono 500 i romanzi letti e discussi, in 22 anni di attività, al Salotto Letterario di Sesto Fiorentino-Salotto Conti. Un appuntamento fisso il Giovedì, a settimane alterne, decine di scrittori di fama nazionale ospitati e generazioni di lettori a confronto, hanno reso di fatto questo salotto letterario un punto di riferimento culturale in Toscana e non solo. Gianni Conti, patron del salotto che da sempre si tiene nella sua abitazione di via Battisti a Sesto Fiorentino, oltre che scrittore, è insegnante di lettere. Nel servizio, curato da Maurizio Ciampolini, il professor Conti parla del valore pedagogico del salotto letterario. Il Salotto conti ha dato vita nel tempo alla rivista Interpretazioni e al premio letterario nazionale Arte di Parole. Nell’intervista il professor Conti anticipa gli obiettivi per il 2017 di questa istituzione culturale.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, nata con Decreto ministeriale del 13 agosto 1992, rappresenta la continuazione ideale della Cassa di Risparmio di Prato, costituita nel 1830 come “privata società anonima” da sessanta benemeriti cittadini e divenuta autonoma con R. D. del 13 ottobre 1882. La Fondazione nata dopo il conferimento dell’attività bancaria nella società per azioni conferitaria da parte dell’Istituto di credito, è persona giuridica privata, senza fine di lucro e dotata di piena autonomia statutaria e gestionale.
Della Cassa di Risparmio di Prato la Fondazione ha ereditato l’attività di interesse pubblico, di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale del territorio pratese.
Dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, due borse di studio per l’accesso al 4° anno liceale d’eccellenza a Rondine – Cittadella della Pace.
Il forte e costante legame con il territorio di origine ha consentito alla Fondazione di assumere un ruolo attivo nei principali momenti della vita della città, con la quale ha instaurato un dialogo costruttivo attraverso interventi mirati, che può realizzare anche con altri soggetti pubblici o privati, nell’ambito dell’istruzione e della ricerca scientifica, della conservazione dei beni artistici e culturali, del volontariato e dell’assistenza alle categorie sociali più deboli.
La Fondazione Cassa di Risparmio di Prato persegue finalità di utilità sociale in modo prevalente nei seguenti settori, considerati rilevanti:
• educazione, istruzione e formazione
• arte, attività e beni culturali

La Fondazione opera inoltre, senza fine di lucro e forma d’impresa, ed attraverso il perseguimento di concreti obiettivi di carattere sociale, per lo sviluppo locale nell’ambito dei Settori ammessi dalla legge con riferimento principale e prevalente al territorio della provincia di Prato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi